Qual è il consumo medio di un camion?

Conoscere i consumi di un camion è un aspetto fondamentale per qualsiasi azienda di autotrasporti. Al fine di gestire efficientemente una flotta di veicoli non è solo necessario fare manutenzione sui mezzi di trasporto, ma anche saper calcolare quanto carburante va impiegato per il tragitto di un autocarro.

Ecco perché in questa sede cercheremo di fare il punto sul consumo medio di carburante di un camion con particolare attenzione verso il diesel e il gasolio.

Calcolo consumo carburante camion

È utile precisare che per quanto sia possibile stimare un calcolo medio di consumi, questi ultimi dipendono principalmente dalle dimensioni e dal carico del singolo camion.

Come calcolare quindi il consumo di carburante di un mezzo pesante?

Si tratta di risolvere dei piccoli problemi di aritmetica, in cui viene effettuata una proporzione tra le dimensioni del camion, i km effettuati e il costo del carburante in un dato momento.

Chiaramente più è piccolo il veicolo, meno saranno alti i consumi.

Il consumo medio di un camion a diesel

Un altro aspetto che incide positivamente sul risparmio di carburante è la scelta tra benzina e diesel. Quest’ultimo consente infatti di fare il pieno a un costo ridotto e di risparmiare sui consumi complessivi di un camion. Inoltre un veicolo che deve trasportare merci pesanti ha bisogno di molta potenza, per questo il diesel risponde meglio a tale esigenza.

I camion che vengono alimentati a diesel godono di una resistenza migliore nel tempo, tanto che vengono utilizzati per una durata maggiore. Questo rappresenta sicuramente un grande vantaggio per un’azienda che detiene una flotta di autoveicoli, ma anche per un camionista privato. Anche in questo caso, i consumi di un camion a diesel variano a seconda delle dimensioni del camion, della quantità di carico e dei km da percorrere.

Quale camion consuma meno?

Analizzando i vari veicoli commerciali presenti sul mercato è facile effettuare una sorta di benchmark (cioè un’analisi tra i diversi prezzi dei competitor) per capire quali sono i camion con i consumi meno elevati.

È difficile fornire una risposta univoca, ma si può comunque stabilire quanto carburante brucia un veicolo in un dato tragitto e decidere in base a questo dato. Una volta appurato ciò, sarà più facile orientarsi nell’acquisto di nuovi autoveicoli per il proprio parco aziendale e capire quali case automobilistiche preferire rispetto ad altre.

Un’altra informazione che va necessariamente tenuta a mente è l’aggiornamento delle normative per ridurre l’impatto ambientale sul pianeta. È sempre preferibile che i mezzi scelti per il trasporto merci, oltre a consumare poco, siano tutti della categoria euro 6. In ogni caso si può sempre richiedere un preventivo alle varie aziende di autotrasporti e capire la soluzione migliore.

Consumare meno carburante alla guida di un camion

Molti autocarri hanno oggi acquisito sempre più funzioni tecnologiche, tanto da rendere il viaggio un vero piacere. Specchietti dotati di telecamere, rete wireless, app, gestione automatizzata…si possono trovare sempre più innovazioni a bordo di camion e mezzi pesanti.

Una delle novità più interessanti per quanto riguarda i consumi è la guida autonoma, un progetto promosso dalla campagna olandese European Truck Platooning Challenge che permette di usare meno carburante grazie alla guida automatizzata gestita da computer. Si tratta di una scoperta rivoluzionaria, di cui però non tutti possono godere: per questo motivo è importante conoscere le modalità di guida che ci permettono di bruciare meno diesel.

Alcuni trucchi

Oltre a risparmiare, applicare alcuni consigli pratici ci permette di inquinare meno durante la guida. Vediamo quali sono le regole d’oro per ridurre i consumi di un camion:

  • Guidare in modo lineare. Evitare di accelerare bruscamente riduce i consumi e soprattutto non rovina il motore.
  • Mantenere una velocità moderata.
  • Spegnere il motore ogni qualvolta si è in sosta (ad esempio al semaforo, in un parcheggio o nel mezzo di una coda)

Inoltre una buona manutenzione delle gomme aiuta a ridurre i consumi e di conseguenza a risparmiare. Infatti, la pressione delle ruote troppo bassa aumenta i consumi di carburante perché diventa maggiore la resistenza delle ruote. In tali condizioni, inoltre, lo pneumatico è soggetto a un’usura più rapida e al deterioramento delle prestazioni.

Usare pneumatici estivi durante la stagione invernale e viceversa può seriamente compromettere le prestazioni dell’auto, oltre che a causare un aumento dei consumi.

Un altro aspetto da non sottovalutare è l’uso dell’aria condizionata. Benché durante i periodi più caldi sia difficile rinunciare al condizionatore, questo ha un impatto non indifferente sui consumi. Se le temperature lo permettono è sempre meglio viaggiare con il finestrino abbassato!

Infine, non tutti sanno che l’eccessivo utilizzo di dispositivi elettronici può aumentare non solo i consumi della batteria, ma anche del carburante. Ecco perché importante tenere sempre a bordo un power bank per caricare in autonomia i propri device.

Condividi questo articolo con i tuoi amici!