I diversi tipi di camion

Comunemente, chiamiamo camion tutte le tipologie di veicoli adibite al trasporto merci. Quante volte vi è capitato di guidare in autostrada e pensare di aver superato un camion che in realtà era un autoarticolato o viceversa?

Il camion o autocarro viene definito dal Codice della strada come “un veicolo destinato al trasporto di cose e delle persone addette all’uso o al trasporto delle cose stesse”. Se dal vostro esame della patente è passato un po’ di tempo, con questo articolo proveremo a mettere in fila i diversi tipi di camion e la loro funzione sulla strada.

Cos’è un camion?

Il camion è un veicolo che può trasportare merci in autonomia, guidato da un soggetto che ha ottenuto una patente per fare questo mestiere o semplicemente poter condurre un mezzo di tali dimensioni. Gli autocarri si distinguono in diverse categorie in base alla massa e sono dotati di vani per il carico di varie dimensioni. A volte, gli autocarri possono trasportare gru o altri supporti di questo tipo. Andiamo a scoprire insieme le molteplici classificazioni di camion.

Quanti tipi di camion esistono?

Come abbiamo visto, gli autocarri possono essere catalogati in base a peso e utilizzo. Si va dalla categoria N, che comprende i veicoli a motore destinati al trasporto merci con quattro ruote, alla categoria N3 che raccoglie tutti quei veicoli destinati al trasporto di merci, con massa superiore a 12 tonnellate. La categorie N1 ed N2 comprendono tutti i camion che vanno dalle 3,5 tonnellate alle 12 tonnellate. Ma quanti tipi di camion esistono?

In primo luogo troviamo gli autocarri silos, un particolare tipo di autocarro che si utilizza per il trasporto di merci secche, quali pellet, cemento e sabbia. Il rimorchio presenta una conformazione sferica per ottimizzare il peso sul veicolo.

Gli autocarri silos vengono spesso utilizzati anche per il trasporto di merci pericolose o infiammabili, come benzina o materiali tossici.

Passiamo adesso alle componenti senza motore che fanno parte dell’autocarro: il rimorchio. Il rimorchio è un mezzo che può funzionare solamente se collegato all’autocarro, in quanto deve essere trainato da una motrice.

Nonostante sia sprovvisto di motore, il rimorchio ha un suo impianto frenante e scarica il suo peso autonomamente, direttamente sui propri assi. È molto utile per trasportare merci di vario tipo e può essere sia scoperchiato che provvisto di un telo.

Passiamo adesso alle categorie di camion più grandi: gli autotreni, autoarticolati e TIR.

I giganti della strada: quali sono i camion giù grandi in circolazione?

Abbiamo fino adesso analizzato le varie tipologie di auotocarro, soffermandoci sui supporti senza motore utili al trasporto di merci. Ma quali sono i mezzi per il trasporto merci che battono tutte le categorie per quanto riguarda la massa? Sicuramente gli autotreni, gli autoarticolati e i road train fanno parte dei tipi di camion comunemente superiori.

Gli autotreni sono i mezzi di trasporto più grandi che si possono trovare comunemente in strada, tanto da essere considerati un vero e proprio convoglio di unità connesse tra loro.

Il peso massimo degli autotreni è di 44 tonnellate. Secondo il Codice della strada “l’asse più carico non deve mai eccedere le 12 tonnellate di peso”.

Gli autoarticolati sono molto differenti dagli autotreni, in quanto sono costituiti da un supporto sui cui poggia il rimorchio o semirimorchio. Per quanto riguarda il loro peso massimo, il Codice della strada si rifa sempre alle condizioni poste per l’autotreno. Gli autoarticolati trasportano solitamente oggetti molto lunghi e impossibili da trasportare con l’autotreno.

Infine il road train, letteralmente treno su strada, è il mezzo di trasporto più imponente tra i camion. Si tratta di un vero e proprio treno stradale che circola soprattutto in strade rettilinee (in Italia è rarissimo incrociare un road train). Si pensi che nel 2016 il record di road train più lungo del mondo è stato vinto in Australia con una lunghezza di 1 km e mezzo!

Altri articoli per

Condividi questo articolo con i tuoi amici!

Condividi su facebook
Condividi su email
Condividi su twitter
Condividi su linkedin